Via Matteotti, Argenta (FE)
0532.804176
info@iisap.edu.it Pec: FEIS00100D@pec.istruzione.it

Gli studenti del MONTALCINI PARTECIPANO ALLA MARATONA DI LETTURA SULLA SHOAH

Argenta - Portomaggiore

Gli studenti del MONTALCINI PARTECIPANO ALLA MARATONA DI LETTURA SULLA SHOAH

Momenti di profonda ed intensa partecipazione hanno accompagnato la maratona di letture in occasione della Giornata della Memoria svoltasi presso il portico del  Municipio di Portomaggiore nella mattinata di Venerdì 28 gennaio.

L’ evento promosso dall’Amministrazione comunale con la collaborazione della biblioteca Peppino Impastato, ha visto la partecipazione del gruppo Chiave di lettura e di una rappresentanza  di studenti del Montalcini.

Per l’occasione, a cui hanno preso parte il sindaco Dario Bernardi e la vicesindaco e assessore alle politiche scolastiche Francesca Molesini, gli studenti del Montalcini hanno presentato alcuni cartelloni tematici dedicati ai PERSONAGGI DELLA MEMORIA, figure indimenticabili, il cui ruolo è ed é stato fondamentale nel salvare centinaia di ebrei durante le persecuzioni razziali, basti pensare a Giorgio Perlasca o Antonina Zabinsky, Liliana Segre e Sami Modiano.

Attraverso la lettura di alcuni dei loro pensieri, i ragazzi hanno voluto far comprendere l’attualità delle posizioni, improntate all’insegna del rispetto della vita e dignità umana.

I cartelloni degli studenti verranno esposti, per qualche giorno, presso la biblioteca “Peppino Impastato”, mentre il breve video realizzato sempre dagli alunni del Montalcini, sarà presente  sul canale you-tube di  Istituto, al fine di far  emergere un messaggio quanto mai chiaro: non occorre aspettare il 27 Gennaio per riflettere sul significato di valori quali la tolleranza, il rispetto delle diversità e la inclusività.

Le immagini del video presentano ragazzi di paesi e culture diverse, colti in momenti di condivisione in cui è possibile scorgere sguardi sorridenti anche dietro una mascherina.

Il video si apre con una frase  di Albert Einstein: “ESISTEUNA SOLA RAZZA, QUELLA UMANA”.